PEC: mbac-as-fi[at]mailcert.beniculturali.it   E-Mail: as-fi[at]beniculturali.it   Tel: (+39)055.263201

Archivio di Stato di Firenze

PAD - Progetto Archivi Digitalizzati

Grazie al supporto dell’Associazione Amici dell’Archivio di Stato di Firenze sono pubblicate on line le digitalizzazioni di numerose serie documentarie che l’Archivio ha realizzato nel corso degli anni passati e consultabili sinora solo all’interno della Sala di studio.
Diversamente da quanto avvenuto per i lavori su Diplomatico e Mediceo avanti il principato infatti, che avevano beneficiato di consistenti finanziamenti specifici secondo una progettualità di ampio respiro, i lavori di digitalizzazione di queste varie serie documentarie erano stati realizzati con risorse ordinarie, a più riprese, e soprattutto per preservare l’integrità dei documenti dalla consultazione diretta. Tali interventi avevano prodotto nel tempo una quantità rilevante di immagini, ma non un corredo informativo adeguato a renderle fruibili da utenti remoti.
Il finanziamento accordato dalla Associazione Amici dell’Archivio di Stato di Firenze ha consentito di avviare, con la collaborazione della Scuola Normale Superiore di Pisa e con lo specifico intervento della società Informatica Umanistica, la predisposizione di un sistema informativo e di una piattaforma tecnologica indispensabili per la pubblicazione on line di queste digitalizzazioni e di quelle ulteriori che si intenderanno realizzare in futuro.


A conclusione di questo intervento possiamo dire che anche in questo caso siano stati rispettati i principi di base che fin dall’inizio hanno guidato l’Archivio nella pubblicazione on line di archivi digitalizzati :

  • selezione strategica dell'oggetto, per andare incontro tanto ad esigenze di comunicazione che alle istanze della ricerca scientifica. Sono pubblicate integralmente serie che costituiscono un supporto fondamentale ai percorsi di indagine sulle fonti fiorentine (ad es. i registri delle Provvisioni, i Campioni della Decima, i Libri delle età del fondo delle Tratte), alcune delle quali offrono anche un grande impatto visivo (ad es. le Carte nautiche, i disegni di Gino Coppedé, i cabrei dell’ Ospedale di Santa Maria Nuova),

  • la scelta di rispettare la struttura consolidata dei fondi archivistici e di sfruttare al meglio le risorse inventariali disponibili,

  • la consapevolezza della necessità di contestualizzare le immagini digitali prodotte, corredandole degli indispensabili elementi di descrizione archivistica comprendente la segnatura completa delle singole unità documentarie riprodotte (fino al livello n. di carta/recto o verso). Solo nei due casi di Carteggio di artisti e Legazioni e commissarie del fondo Signori questo non è stato possibile (una nomenclatura codificata dei file-immagine avrebbe comportato un intervento troppo oneroso, ma ci proponiamo di adeguare in futuro anche questa parte alla struttura generale del sistema).


Ci auguriamo che la disponibilità on line di questo rilevantissimo patrimonio archivistico possa fungere da volano ulteriore per la ricerca scientifica, favorendo l’impiego di nuove energie intellettuali e delle più aggiornate tecnologie allo studio delle fonti fiorentine.  
Un pensiero riconoscente va all’Associazione Amici dell’Archivio: al Presidente, Giuseppe V. Parigino, e al Consiglio Direttivo, in particolare ad Alessio Assonitis, Andrea Barlucchi, Elena Fumagalli, Francesco Guidi Bruscoli, Daniela Manetti, Giuseppina C. Romby, che hanno creduto in questo progetto proposto dall’Archivio; alla società Informatica Umanistica con Davide Merlitti che con perizia lo ha realizzato e, per la loro collaborazione, ad Umberto Parrini della Scuola Normale Superiore di Pisa, oltre a  Daniele Ciuffardi, webmaster dell’Archivio.


Firenze, ottobre 2016


Francesca Klein                                                             Carla Zarrilli

Responsabile dei piani di digitalizzazione                       Direttore dell’Archivio di Stato di Firenze      
Direttore scientifico del progetto

 

 

Modalità di consultazione

Accedi al PAD Progetto Archivi Digitalizzati