PEC: mbac-as-fi[at]mailcert.beniculturali.it   E-Mail: as-fi[at]beniculturali.it   Tel: (+39)055.263201

Archivio di Stato di Firenze

Una famiglia, un santo, una città. Ambrogio Sansedoni e Siena

Firenze, Auditorium dell’Archivio di Stato di Firenze
mercoledì,  22 marzo  2017
ore 15.00 – Ingresso libero

Enti organizzatori
Archivio di Stato di Firenze in collaborazione con l’Associazione Archivio per la memoria e la scrittura delle donne “Alessandra Contini Bonacossi”

Ambrogio Sansedoni (1220-1287), appartenente per nascita alla classe dirigente del Comune di Siena, abbraccia la vita religiosa nell’Ordine dei Predicatori e diviene famoso predicatore. Odile Redon inserisce la sua figura, in vita e in morte, nel contesto della storia senese: animazione delle confraternite, al servizio dei poveri e dei malati, contrasto all’usura, liberazione dall’interdetto che aveva colpito la città ghibellina, suscitando un moto popolare e comunale di gratitudine, che si esprime nella corsa di cavalli premiata con un palio.

Programma
Saluti: Carla Zarrilli, Direttrice dell'Archivio di Stato di Firenze e Rosalia Manno, Presidente dell’Associazione Archivio per la memoria e la scrittura delle donne “Alessandra Contini Bonacossi”
Intervengono: Isabella Gagliardi  e Pietro Clemente con Sofia Boesch Gajano
Coordina: Carla Zarrilli

Odile Redon, (1936-2007) è stata una medievista poliedrica per temi, metodi, interpretazioni. Storica della società in tutte le sue articolazioni, dalle istituzioni all’economia, dalla letteratura all’alimentazione, dal paesaggio alla vita religiosa, rappresentante di primo piano della storiografia francese, ha radicato le sue ricerche prevalentemente in Toscana e in particolare in terra di Siena, in un fecondo rapporto con la cultura italiana, di cui è testimone il suo Lo spazio di una città. Siena e la Toscana meridionale, secoli XIII-XIV, (Viella, 1999), che rimane uno dei suoi lavori più significativi.
Sofia Boesch Gajano ha insegnato Storia medievale nelle Università di Siena, L’Aquila e Roma Tre. Ha fondato e presieduto per molti anni l’Associazione italiana per lo studio della santità, dei culti e dell’agiografia (Aissca); è direttore responsabile della rivista «Sanctorum». Ha fondato e presiede il Centro Europeo di Studi Agiografici con sede a Rieti. Tra i suoi ultimi lavori ricordiamo La santità (Laterza, 1999); Storia della direzione spirituale, II, L’età medievale (Morcelliana, 2010); Santuari d’Italia, Il Lazio (De Luca, 2010).

Scarica l’invitoFile PDF