PEC: mbac-as-fi[at]mailcert.beniculturali.it   E-Mail: as-fi[at]beniculturali.it   Tel: (+39)055.263201

Archivio di Stato di Firenze

Moda e letteratura nell’Italia della prima modernità

Firenze, Auditorium dell’Archivio di Stato
Giovedì 19 settembre 2019, ore 15.30

Programma
Intervengono Giorgio Riello (Istituto Universitario Europeo), Amedeo Quondam (Università degli studi di Roma “La Sapienza”), Samantha Maruzzella (Università degli studi di Roma “La Sapienza”)
Coordina Monica Grossi, direttrice dell’Archivio di Stato di Firenze
Sarà presente l’autrice.

Il libro propone un itinerario storico e teorico centrato sulle opere di interesse preminente per la storia della moda moderna in Italia nei secoli XVI e XVII. A partire dall’analisi del modo in cui l’abbigliamento e la moda vengono descritti nei testi letterari e nei libri dei costumi dell’epoca, l’autrice evidenzia come essi «fungano da mappe con cui è possibile individuare, innanzitutto, lo stabilirsi della moda come istituzione sociale della modernità»; termini, quelli di moda e modernità, che del resto condividono comuni radici etimologiche.
Sono quindi oggetto di studio, in particolare, Il libro del Cortegiano di Baldassarre Castiglione, i libri di costume di Cesare Vecellio e Giacomo Franco, Della carrozza da nolo, overo del vestire e usanze alla moda di Agostino Lampugnani.
Il volume presenta, inoltre, alcune protagoniste femminili che fanno da contraltare alla costruzione della mascolinità: Elisabetta Gonzaga, Caterina e Anna Sforza, Isabella d’Este, Lucrezia Borgia, Lucrezia Marinella e Arcangela Tarabotti. A quest’ultima, autrice di Antisatira e Inferno monacale, Paulicelli dedica un intero capitolo in cui se ne mette in luce l’opera di denuncia contro il fenomeno delle monacazioni forzate e a sostegno del diritto delle donne alla libertà d’espressione anche nell’apparire pubblico.

Eugenia Paulicelli è docente di Letteratura italiana, comparata e Women’s Studies al Queen College e al Graduate Center della City University di New York. Qui ha fondato e dirige un programma di Fashion Studies. Le sue principali aree di ricerca concernono la teoria critica, la storia delle donne e di genere, la letteratura, il cinema, la moda. Tra le sue più recenti pubblicazioni ricordiamo Fashion under Fascism. Beyond the Black Shirt (Oxford, 2004); Writing Fashion in Early Modern Italy. From Sprezzatura to Satire (Aldershot, 2014 e Londra, 2016); Italian Style. Fashion and Film from Early Cinema to the Digital Age (Londra, 2016 e 2017); 1960. Un anno in Italia. Costume, Cinema, Moda e Cultura (co-curatrice, Cesena, 2010); The Fabric of Cultures. Fashion, Identity, Globalization (co-curatrice, Londra, 2008); Rosa Genoni. La moda è una cosa seria (inglese e italiano, Milano, 2015 e 2017); Moda e Moderno. Dal Medioevo al Rinascimento (curatrice, Roma, 2006).

Scarica l’invito – File pdf