home » percorsi di ricerca » catasto terreni e catasto fabbricati

Il catasto terreni e il catasto fabbricati

Il catasto geometrico particellare toscano, nato nel 1835 come catasto "promiscuo" (contenente cioè sia terreni che fabbricati), ha mantenuto questa caratteristica originaria fino al 1870 circa. Dopo questa data, a seguito dell'istituzione, a livello nazionale, di un catasto edilizio urbano, furono da esso scorporati tutti i fabbricati (ad eccezione dei fabbricati rurali), per inserirli nei nuovi registri urbani. Di conseguenza, a partire dal 1870 circa, le registrazioni dei fabbricati e dei loro passaggi di proprietà scompaiono da questa parte del Catasto, che diviene così un catasto dei terreni (e edifici rurali). Solo gli aggiornamenti dei fogli di mappa e i cartoncini di frazionamento continuano a riguardare, dopo il 1870, anche le particelle relative a fabbricati.

Queste vicende fanno sì che chiunque voglia attualmente seguire le vicende della proprietà di una particella dal 1835 in poi, possa farlo lungo tutto l'arco cronologico della documentazione di questa parte del catasto (1835- metà circa del Novecento) se si tratta di un terreno, ma solo fino al 1870 nel caso di un fabbricato. Per le particelle costituite da fabbricati infatti troverà dopo questa data solo l'indicazione "Per scorporo della rendita urbana trasportato ai registri dei fabbricati..." o altra equivalente; a partire da questo momento, la ricerca dovrà essere proseguita sui registri del Catasto fabbricati.

Va aggiunto che la documentazione riguardante, per la provincia di Firenze, il catasto fabbricati istituito attorno al 1870 è stata oggetto di alcuni recenti versamenti al nostro Archivio da parte dei competenti uffici periferici dello Stato, ed è ancora in corso attualmente il suo ordinamento e inventariazione.

Riassumendo: Il fondo Catasto generale toscano (1835-1960 c.ca) comprende:
• dal 1835 al 1870 circa, sia terreni (coi fabbricati rurali) che fabbricati urbani (catasto promiscuo);
• dal 1870 circa in poi, solo terreni (coi fabbricati rurali), mentre per il fabbricati urbani bisogna rivolgersi al fondo icona glossario o notaCatasto fabbricati.

Solo le Mappe e gli Atti grafici: cartoncini continuano a riguardare sia i terreni che i fabbricati.