Amina SAÏD (Tunisia)


Amina Said Nata a Tunisi nel 1953, è vissuta a Parigi dove ha studiato letteratura alla Sorbona. Insegna e svolge attività giornalistica su numerose riviste. Scrive in francese ed è riconosciuta universalmente come una delle migliori poetesse francofone maghrebine. Le sue prime liriche sono apparse su rivista nel 1976. Ha pubblicato diversi volumi di poesie (ricevendo importanti premi): Paysages, nuit friable (1980); Metamorphose de l'Óle et de la vague (1985); Sables funambules (1988); Feu d'oiseaux (1989; Prix Jean Malrieu). Si tratta di una poesia contemplativa, di straordinaria finezza, segnata da una tonalità struggente e sognante e pervasa, come è stato detto, da un "soffio cosmico".

Abito la scrittura

Abito la scrittura burrascosa
del mondo
nella memoria acquiescente degli alberi
nel ciclo insolente
delle stagioni
nella vita presa a morsi
e dalla quale non si guarisce
in silenzio, sarò maledetta
ma vado avanti lo stesso testarda
lungo il sentiero solitario delle meteore.

(da Nul Autre Lieu, 1992)
Traduzione Toni Marain