Identificazione

Mozzi Del Garbo conti, baroni

sec. XIV - 1731

Intestazioni:
   Regole SIASFi: Mozzi (sec. XIV-1731)
   Regole SIASFi: Mozzi del Garbo, conti, baroni (1731-sec. XIX, fine)

Descrizione


I Mozzi, cittadini di Firenze del quartiere di Santo Spirito sotto il gonfalone della Scala, parteciparono attivamente al governo della città fin dal XIV secolo e annoverarono tra i propri membri 4 gonfalonieri di giustizia e 7 priori tra il 1326 ed il 1516, 12 dei XII Buonomini dal 1329 al 1513, 11 dei XVI di Compagnia dal 1330 al 1524 e 3 senatori granducali.
Dal ramo derivante da Giovanni Mozzi, vissuto nella seconda metà del XIV secolo e che fu gonfaloniere di giustizia nel 1369, discende Lisabetta, figlia di Andrea Mozzi (1565-1630), che nel 1635 sposò Baccio di Niccolò Del Garbo. Dopo l'estinzione della famiglia Del Garbo, avvenuta nel 1731, i Mozzi assunsero il doppio nome di Mozzi Del Garbo. In seguito al matrimonio di Giulio Mozzi con Maria Francesca Buonguglielmi, i Mozzi acquisirono anche il patrimonio di Francesco Veneri, che comprendeva anche quello della Compagnia Veneri & Minerbetti.
Tra gli esponenti di maggior rilievo della famiglia Mozzi si ricordano Marco Antonio Mozzi, morto nel 1736, canonico della Metropolitana di Firenze, poeta, accademico della Crusca e teologo della principessa Violante; Giulio Mozzi, studioso di matematica e ministro del Regno d'Etruria (1801-1807), morto nella prima metà del XIX secolo; Piero di Giannozzo Mozzi, ciambellano della granduchessa di Toscana, Elisa Baciocchi, e morto nel 1850.
La casata dei Mozzi si estinse alla fine del XIX secolo e il suo patrimonio fu ereditato dai marchesi Bartolini Salimbeni e dai Magnani di Pescia, in seguito al matrimonio tra Lorenzo Magnani e Clementina Mozzi. I Mozzi Del Garbo si estinsero invece nei Bombicci Pontelli alla fine del XIX secolo.

Informazioni sulla scheda

Bibliografia consultata:
Roberto Ciabani, Le famiglie di Firenze, Firenze, Bonechi, 1992, v. II, p. 463

Redazione e revisone:
Caterina Guiducci, 21-LUG-05, prima redazione
   



Siasfi - Sistema informatico dell'archivio di Stato di Firenze
© Archivio di Stato di Firenze. The content of this page is freely available, when used in non-profit publications and provided that the source is clearly quoted
Saturday 15 December 2018 22:45:49